Consulenza Ambientale

Consulenza ambientale per la gestione dei rifiuti nella città di Prato

Il servizio di smaltimento e gestione dei rifiuti nella città di Prato può essere affidato a aziende specializzate, che conoscano bene le leggi in materia di tutela dell’ambiente e dispongano di personale qualificato (con la figura del consulente ambientale) e mezzi per occuparsi in modo corretto degli scarti di qualsiasi tipo.

I rifiuti hanno uno stretto legame con la tutela dell’ambiente, per questo esistono varie leggi a livello nazionale e comunitario dirette a dare indicazioni sul loro smaltimento. Una delle prime leggi emanate è stato il decreto legislativo Ronchi del 1997, a esso ne sono seguiti altri con cui sono stati indicati gli interventi da eseguire per ridurre i rifiuti, recuperare i materiali e su come smaltire gli scarti.

Il D.lgs 152/06 stabilisce i criteri di divisione dei rifiuti, con le nostre consulenze ambientali potrete avere più chiarezza in merito.

Consulenza Ambientale

In base all’origine si dividono in urbani o speciali, mentre in base alla pericolosità, in pericoloso o non. Tenendo conto di tale classifica è necessario procedere alla loro raccolta e smaltimento, che deve avvenire seguendo procedure specifiche molte delle quali sono dirette a poter riutilizzare i rifiuti e di distruggere senza inquinare quelli inutilizzabili. I vari tipi di rifiuti sono divisi in 20 classi ognuna delle quale contiene elementi associati ad un codice CER. Questi ultimi sono utili per capire se si tratta di materiali pericolosi o meno. I primi all’interno della classifica sono contrassegnati con un asterisco. Per questi ultimi, lo smaltimento deve essere affidato a imprese iscritte in albi speciali presso la Camera di Commercio e autorizzate, come ad esempio nel caso dell’amianto.

Dove confluiscono i materiali da costruzione o ristrutturazione?

A Prato, i privati e imprese che svolgono attività di costruzione e ristrutturazione per smaltire devono rivolgersi a dei consulenti ambientali che si occupano della gestione dei rifiuti speciali, assicurando il rispetto della normativa. In particolare, deve occuparsi della raccolta, del trasporto e dello smaltimento presso impianti autorizzati dei rifiuti derivanti da attività produttive o bonifiche legate a manutenzione di edifici, presso impianti autorizzati. Il servizio riguarda materiali edili, macerie, calcinacci, cemento, mattoni e tutti residui che si possono creare in seguito a lavori di costruzioni e ristrutturazione di edifici. Materiali ferrosi e non ferrosi, rifiuti ingombranti, elettrici, liquidi e chimici. In tutti questi casi, è necessario rivolgersi a professionisti, che sappiano come prelevare i rifiuti e smaltirli nel pieno rispetto delle normative e dell’ambiente.

Come smaltire macchinari e apparecchi elettrici nelle fabbriche?

A Prato per la raccolta e lo smaltimento di, televisori, computer, apparecchi elettrici e macchinari per l’ufficio in generale, compresi sistemi informatici gli utilizzatori professionali come imprese, negozi e uffici devono certificare il loro smaltimento presso studi consulenza ambientale che si occupano di rilasciare un’apposita documentazione ed eseguire il conferimento secondo le norme. I RAEE acronimo di Rifiuti di Apparecchiature Elettroniche ed Elettriche rappresentati da grandi e piccoli elettrodomestici, apparecchiature informatiche, elettriche ed elettroniche, devono essere smaltiti secondo criteri determinati dalla legge. I Raee vengono classificati in due grandi categorie, domestici o professionali, in entrambi o casi del loro smaltimento e recupero deve essere incaricata un’impresa, che deve anche occuparsi del riciclo e trattamento per il recupero.

Come smaltire gli imballaggi delle fabbriche a Prato?

Gli imballaggi sono soggetti a sanzioni molto pesanti se non vengono trattati come richiesto dalle normative europee e nazionali, le quali puntano sul loro riciclo. Essi rappresentano una parte sostanziale dei rifiuti prodotto ogni giorno in ogni città compresa Prato, per questo la loro raccolta, il trasporto e lo smaltimento deve essere eseguito in modo tale che possano essere selezionati vengono poi trattati nel modo più opportuno. Inoltre, le leggi europee indicano che gli utilizzatori finali degli imballaggi sono responsabili della loro raccolta e del trasporto, mentre i produttori devono occuparsi del riciclo dei materiali.
Per la raccolta, prelievo e smaltimento di imballaggi è necessario rivolgersi ad un’impresa che offra tali servizi di consulenza ambientale lavoro, con costi a carico delle aziende e dei professionisti se i rifiuti provengono dalla loro attività produttiva.

Come diventare consulente ambientale?

Vorresti fare della consulenza ambientale il tuo lavoro? Contatta i nostri esperti in materia e richiedi maggiori info sul mestiere di consulente ambientale.

La tua azienda ha bisogno di gestire rifiuti speciali?​

Richiedi una consulenza personalizzata per la tua attività​

 
 
CHIAMA SUBITO 800145068
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

800145068